Discussioni di carattere generale sull'elettronica analogica e digitale. Didattica e applicazioni pratiche.
Avatar utente
da Gio55
#9041
Grazie. Poi tra l'altro col transistor posso anche fare un Not agevolmente e cambiare polarità alla forma d'onda ottenuta. No 0 - 0.8V (oscilloscopio).

Ok vada per il transistor.

In generale però (scusate se torno sulla questione, ma la curiosità era troppa) se avessi voluto scegliere un operazionale il ragionamento a livello teorico (stima della banda data quella forma d'onda) da cui ottenere una indicazione per il prodotto guadagno-banda (e slew rate data la frequenza del segnale e la tensione di picco) sarebbe stato corretto?

Oltre a questi parametri, quali altri sarebbero fondamentali per la selezione? Rapporto reiezione modo comune, penserei sia da tenere conto in un secondo momento (magari per una analisi più accurata) e magari per condizioni particolari.
da mars
#9043
Dato che non si conosce "quella forma d'onda", qualsiasi risposta sarebbe insensata.
Riepilogo:
- il segnale che dovrebbe immagino essere circa un onda rettangolare
- quando passa il reed si inverte la polarità
- Più precisamente direi che è approssimabile come "treno di impulsi".
(bello e tecnicamente sostanziale l'approssimabile)

Quindi é un'onda rettangolare?
Che inverte la polarità, ovvero diventa negativo rispetto al riferimento comune?
Oppure è un treno di impulsi? Fatti come? Motrice, tender e tre vagoni o che altro?

E vuoi trattare con un ADC un treno di impulsi? A che scopo?
Però forse no, quindi va in un ingresso digitale del micro. In tal caso avrebbe senso elevarne la tensione per adeguarlo alla banda valida di ingreso (TTL, ST, CMOS?).
Se sono impulsi, però, si usa un comparatore e non un opamp. A che scopo un opamp su un segnale digitale?

Se è analogico e non ne sai nulla, vai sul sicuro e usa un opamap high performance, non dico un AD8000, ma genere OPA 207, OPA1612, MAX477
Se è analogico e sai come è, usi i parametri del segnale per identificare l'opamp adeguato.
E se ci metti un transistor, quale transistor e cosa ne esce ?

Dipende tutto da cosa vuoi sapere trattando quel segnale col micro (informazione non pervenuta e quindi, prego, di cosa stiamo parlando?)
Avatar utente
da Gio55
#9044
Per ora inizio dal tempo di rotazione.
L'AD lasciamo perdere sarebbe troppo lungo da spiegare e andremmo fuori dal tema principale da cui ero partito.

Treno di impulsi alla Dirac non esisterebbe (è sempre fisicamente un'onda rettangolare ma di base stretta). Comunque si diciamo un treno di impulsi.

Mi fa comodo invertirlo.

Comunque grazie ho appreso quanto mi serviva nei vari post.
da mars
#9045
Lieto che la lunga discussione sia servita a qualcosa.

Anche se "un'onda rettangolare, ma di base stretta" è una definizione il cui senso tecnico mi sfugge...

Buon lavoro.
Scelta di un qualsiasi libro di elettronica

Se parti da meno di 0, a mio parere, puoi cominci[…]

Raddrizzare la trifase

[CUT] Pensavo di collegarlo a una rotella e con […]

Mi sembra che, però, non si tratti del problema pr[…]

telecomando ir da riparare

lo stesso problema si presentò un mese fa, poi […]

Visita il nostro canale telegram