Discussioni di carattere generale su tutto ciò che riguarda l'elettronica digitale ed analogica. Didattica e applicazioni pratiche.
#7006
Ciao a tutti, secondo voi è possibile aggiungere un powerbank ad una radio-sveglia sony che presenta già una pila 9V come fonte di energia in caso manchi la corrente? se è possibile, potete spiegarmi come fare per tenere sempre in carica il powerbank e fornire la carica (tipo UPS) nel caso manchi la corrente? avevo pensato anche ad una pila ricaricabile ma volevo togliermi il fastidio di ricaricarla, se scarica. Ho già letto un articolo in questo gruppo che parlava di qualcosa di simile ma, la radio-sveglia in quel caso, non aveva già un sistema tampone come nel mio caso. Avevo visto anche questo connettore ma non so se possa andare bene ( dovrei tagliare il connettore opposto all'usb e saldarlo con il sistema tampone della sveglia? )https://www.amazon.it/gp/product/B01G56J4I6/ref=s9u_cartx_gw_i2?ie=UTF8&pd_rd_i=B01G56J4I6&pd_rd_r=099e1ace-f2dd-11e7-ad04-0b97a8a2142a&pd_rd_w=SS6VR&pd_rd_wg=RbeSr&pf_rd_m=A11IL2PNWYJU7H&pf_rd_s=&pf_rd_r=24BST2SV2GX430EANMEP&pf_rd_t=36701&pf_rd_p=02cd5292-e65e-43b1-a675-6d45a0d416e9&pf_rd_i=desktop&tag=tomsforum-21
Posso anche postare delle foto della sveglia nel caso serva. Grazie mille a chi mi risponderà.
#7010
Quale è il motivo di sostituire una batteria con un'altra batteria?
Normalmente, in un orologio alimentato dalla rete, la batteria ha lo scopo di mantenere i dati in mancanza di rete.
Solitamente (per ora) le mancanze di rete hanno durata limitata (Venezuela escluso). Questo vuol dire che la batteria prevista dal costruttore ha una durata adeguata.
A cosa servirebbe utilizzare una batteria di capacità molto maggiore, per di più del tipo ricaricabile, con tutte le esigenze aggiuntive?
Marco10 ringraziano
#7011
Il motivo per il quale voglio sostituire una pila 9V usa e getta è dato dal fatto che, poichè la radio-sveglia la utilizza mia nonna, non volevo più comprare ogni volta una pila per sostituire quella usurata ( che poi, tra l'altro, non sai mai quando termina la sua carica e quindi se mancasse la corrente e la pila avesse esaurito la sua carica dovrei ogni volta reimpostare l'orologio e, poichè per motivi lavorativi non sono sempre a casa, devo sempre chiamare qualcuno per far reimpostare l'orologio - mia nonna è fissata con quello perchè è un regalo di mio zio) e quindi usare un powerbank mi è sembrata l'alternativa migliore però, non avendo esperienza, non so fare il collegamento e non so nemmeno se ciò fosse possibile ed è per questo che ho scritto su questo forum. Grazie per l'interessamento :)
#7012
Bhè, fermorestando che anche nel nostro "bel"paese ci sono realtà che in confronto il Venezuela può soltanto timidamente arrossare; casi per il quale un dispositivo necessiti di carica maggiore per la ritenuta dei dati, possono essere svariati.
Indipendentemente dalle circostanze venute in essere secondo me le domande da porsi sono altre:
Quanta autonomia effettivamente ti occorre? La batteria interna delle radiosveglie, solitamente la classica batteria da 9V, garantisce autonomia per diverse giornate.
Questo comporta che l' accumulatore, può essere sostituito preventivamente dopo un certo tot ( sei a casa e lo cambi quando ritieni sia quasi scarico ) oppure lo sostituisci mediante un accumulatore da 9V ricaricabile. Questo ogni tot di tempo, lo levi, lo carichi e lo rimetti nella radiosveglia. Economicamente quest' ultima soluzione è vantaggiosa e certamente stai sicuro che funzioni.
Se invece per qualche inspiegabile motivo l' autonomia settimanale dell' accumulatore previsto dal costruttore, non basta, allora si potrebbe ovviare con un accumulatore esterno e possibilmente con un pò di conoscenze in ambito elettronico ed elettrotecnico sul come mettere le mani e fare la modifica più opportuna.
:)
Marco10 ringraziano
#7013
Più che altro, il mio, è un fatto di comodità per non dovermi ricordare di ricaricare o sostituire la pila: tutto qui. Avevo pensato anche ad una pila ricaricabile ma, anche per mia smania di automatizzare quanto più possibile casa, lo avevo scartato. L'autonomia non mi interessa molto, bastano anche pochi minuti ma avevo pensato al powerbank perchè so che è possibile utilizzarlo per questo scopo. Ti allego la foto della sveglia così posso capire se sono in grado di fare questa modifica affinchè
1 il powerbank sia collegato alla radio sveglia
2 sia costantemente in carica per non trovarmelo scarico.
Grazie dell'aiuto!
Allegati
20190412_081135.jpg
#7014
Non è una cosa così immediata.
Un "powerbank" tipico è pensato come supporto per apparecchi portatili ricaricabili/alimentabili da USB. Quindi con una uscita di 5V. Occorrerebbe trovarne uno con uscita a 9V. Ci sono, ma non gratis.
Inoltre, si tratta di dispositivi pensati per fornire una certa energia, mentre la batteria di backup quando è attivata fornisce correnti minime. Quindi, costi sensibili per quelli seri, con quelli lower cost che in genre sono delle porcherie.
Se trovi in commercio un powerbank da 9V che possa restare collegato alla rete in modo permanente senza danneggiarsi, prova quello e collegalo al posto della pila.

Altrimenti occorre un qualsiasi circuito di ricarica di LiIon, genere questo
https://www.banggood.com/USB-Lithium-Ba ... rehouse=CN

che carica una lion piccola,
http://budgetlightforum.com/node/34765?page=2

seguito da un boost che porti i 4V a d almeno 7V , genere questo
https://www.aliexpress.com/item/3-7V-5V ... 06047.html

il tutto alimentato da un qualsiasi rete/5V.
Assiemare il tutto e auguri.

Note:
1 - ovviamente usando prodotti di qualità migliore di quella cinese (ad esempio Pololu) si spende di più, ma si rischia meno
2 - l'accrocchio consuma comunque energia per il boost
#7017
Invece di un powerbank usa delle normali batterie alcaline piu' robuste.
La capacità delle batterie alcaline non ricaricabili e' grossomodo questa
(valori presi dai datasheet per carichi a basso assorbimeno, come una sveglia in standby coi led spenti ma con l'orologio attivo tramite l'oscillatore interno)
- piletta da 9V: circa 500mAh,
- stilo AAA da 1,5 V: circa 1200 mAh
- stilo AA da 1,5: circa 2500mAh
- pila quadrata da 4.5 V: circa 6000mAh
- mezzatorcia B da 1,5V : circa 7500mAh
- torcia D da 1.5 V: circa 12000 mAh

Se prendi DUE pile quadrate da 4,5 Volt e le colleghi in serie hai 9 Volt con 6000 mAh ( 10 volte la piletta da 9V) con meno di 10 euro
Se invece prendi SEI torce da 1,5 V e le metti in un portabatterie da 6 posti hai di nuovo 9 volt con la bellezza di oltre 12000 (20 volte la piletta) mAh con meno di 15 euro

A mio avviso ti durano qualche anno, devi ricordati di cambiarle ogni 3 anni giusto per tenerle fresche.
pila45.jpeg
Bios ringraziano
#7018
@mars
Con questo cavo non posso fare niente collegando l'usb al powerbank e tagliando il connettore opposto e unendolo ai 2 fili dove ora è collegata la pila?

@double
Si, anche questa potrebbe essere una soluzione. Alla fine poca spesa e tanta resa. Grazie per la risposta

@mars Con questo cavo non posso fare niente […]

Mi arrendo :oops:

Ciao a tutti, sto cercando un impianto home cinema[…]

Ti informo che la presentazione nell'apposita sezi[…]

 scarica la nostra app android